Awake (1994)

6:00

Dream Theater

6:00 da Awake, Dream Theater
6:00, testo
"Six o'clock on a Christmas morning"
"And for what?"
"Well, isn't it for the honor of God, Aunt Kate?"
"I know all about the honor of God, Mary Jane."

Six o'clock the siren kicks
him from a dream
Tries to shake it off but it just won't stop
Can't find the strength
but he's got promises to keep
And wood to chop before he sleeps

I may never get over
but never's better than now
I've got bases to cover

He's in the parking lot
and he's just sitting in his car
It's nine o'clock but he can't get out
He lights a cigarette
and turns the music down
but just can't seem to shake that sound

Once I thought I'd get over
but it's too late for me now
I've got bases to cover

Melody walks through the door
and memory flies out the window
and nobody knows what they want
'til they finally let it all go

The pain inside
coming outside

So many ways to drown a man
So many ways to drag him down
Some are fast and some take years and years
Can't hear what he's saying
when he's talking in his sleep
He finally found the sound
but he's in too deep

I could never get over
Is it too late for me now?
Feel like blowing my cover

Melody walks through the door
and memory flies out the window
and nobody knows what they want
'til they finally let it all go

But don't cut your losses too soon
'cause you'll only be cutting your throat
And answer a call
while you still hear at all
'cause nobody will if you won't

"Six o'clock on a Christmas morning..."
"I know all about the honor of God, Mary..."
"I know all about the honor of God, Mary Jane."
6:00, traduzione
"Le sei di una mattina di Natale"
"E per cosa?"
"Bè, non è per la gloria di Dio, zia Kate?"
"Io so tutto della gloria di Dio, Mary Jane"

Alle sei del mattino l'allarme lo ruba
a un sogno
prova a dimenticarlo ma non riesce
non ne trova la forza
ma ha delle promesse da mantenere
E della legna da tagliare prima di tornare a dormire

Potrei non superarlo mai
ma mai è meglio di adesso
Devo prepararmi ad ogni evenienza


Nel parcheggio
seduto nella sua macchina
sono le nove ma non riesce ad uscire
Accende una sigaretta
E abbassa la musica
Ma non riesce a liberarsi di quel suono.

Una volta pensavo che sarei riuscito a superarlo
Ma ora è troppo tardi per me
Devo prepararmi ad ogni evenienza

Una melodia entra dalla porta
E il ricordo vola fuori dalla finestra
E nessuno sa cosa vogliano
finché finalmente non riusciranno a dimenticarsi di tutto

Il dolore dentro di lui
sta venendo fuori

Così tanti modi per annegare un uomo
così tanti modi per trascinarlo a fondo
Certi sono immediati altri invece durano anni e anni
Non riesco a sentire cosa sta dicendo
quando parla nel sonno
Finalmente ha trovato il senso
ma ormai si è perduto

Potrei non riuscire mai a superarlo
è troppo tardi per me?
sembra che il mio rifugio sia stato colpito

Una melodia entra dalla porta
E il ricordo vola fuori dalla finestra
E nessuno sa cosa vogliano
finché finalmente non riusciranno a dimenticarsi di tutto

Ma non è ancora tempo di arrendersi
perchè rischi solo di tagliarli la gola
E rispondi al richiamo
fintanto che sei ancora in grado di udirlo
Perchè nessuno lo farà se non lo farai tu

"Le sei del mattino di una mattina di Natale"
"Io so tutto della gloria di Dio, Mary"
"Io so tutto della gloria di Dio, Mary Jane"
6:00, note e significato

"6:00" è stata scritta dal tastierista Moore ed era inizialmente intitolata "Beachhouse Reality". Il testo sembra riferirsi al desiderio dell'autore di lasciare i Dream Theater. Le voci in "6:00" sono tratte da "The Dead - Gente di Dublino" di John Huston (1987), un adattamento dell'ultima novella di Dubliners (1914) dell'irlandese James Joyce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.