D’Amore di Morte e di Altre Sciocchezze (1996)

Il Matto

Francesco Guccini

Il Matto da D’Amore di Morte e di Altre Sciocchezze, Francesco Guccini
Il Matto, testo
Mi dicevano il matto perché prendevo la vita
da giullare, da pazzo, con un'allegria infinita.
D'altra parte è assai meglio, dentro questa tragedia,
ridersi addosso, non piangere, e voltarla in commedia.

Quando mi hanno chiamato per la guerra, dicevo:
Be', è naia, soldato! e ridevo, ridevo.
Mi han marchiato e tosato, mi hanno dato un fucile,
rancio immondo, ma io allegro, ridevo da morire.
Facevo scherzi, mattane, naturalmente ai fanti,
agli osti e alle puttane ma non risparmiavo i santi.

E un giorno me l'han giocata, mi han ricambiato il favore
e dal fucile mi han tolto l'intero caricatore.
Mi son trovato il nemico di fronte, e abbiamo sparato,
chiaramente io a vuoto lui invece mi ha centrato.

Perché quegi occhi stupiti? Perché mentre cadevo,
per terra, la morte addosso, io ridevo ridevo?
Ora qui non sto male, ora qui mi consolo,
ma non mi sembra normale ridere sempre da solo.
Il Matto, note e significato

Il matto è stata scritta dal bassista Ares Tavolazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.