Songs of Love and Hate (1971)

Love Calls you by Your Name

Leonard Cohen

Love Calls you by Your Name da Songs of Love and Hate, Leonard Cohen
Love Calls you by Your Name, testo
You thought that it could never happen
to all the people that you became,
your body lost in legend, the beast so very tame.
But here, right here,
between the birthmark and the stain,
between the ocean and your open vein,
between the snowman and the rain,
once again, once again,
love calls you by your name.

The women in your scrapbook
whom you still praise and blame,
you say they chained you to your fingernails
and you climb the halls of fame.
Oh but here, right here,
between the peanuts and the cage,
between the darkness and the stage,
between the hour and the age,
once again, once again,
love calls you by your name.

Shouldering your loneliness
like a gun that you will not learn to aim,
you stumble into this movie house,
then you climb, you climb into the frame.
Yes, and here, right here
between the moonlight and the lane,
between the tunnel and the train,
between the victim and his stain,
once again, once again,
love calls you by your name.

I leave the lady meditating
on the very love which I, I do not wish to claim,
I journey down the hundred steps,
but the street is still the very same.
And here, right here,
between the dancer and his cane,
between the sailboat and the drain,
between the newsreel and your tiny pain,
once again, once again,
love calls you by your name.

Where are you, Judy, where are you, Anne?
Where are the paths your heroes came?
Wondering out loud as the bandage pulls away,
was I, was I only limping, was I really lame?
Oh here, come over here,
between the windmill and the grain,
between the sundial and the chain,
between the traitor and her pain,
once again, once again,
love calls you by your name.
L’Amore ti Chiama per Nome, traduzione
Pensavi che non sarebbe mai potuto succedere
a tutte le persone che sei diventato,
il tuo corpo perso nella leggenda, la bestia così domata.
Ma qui, proprio qui,
tra la voglia e la macchia,
tra l'oceano e la tua vena aperta,
tra il pupazzo di neve e la pioggia,
ancora una volta, ancora una volta,
l'amore ti chiama per nome.

La donna nel tuo album di foto
che tu ancora elogi e incolpi,
dici che ti hanno incatenato alle tue unghie
e hai scalato le stanze della fama.
Ma qui, proprio qui,
tra la nocciolina e la gabbia,
tra l'oscurità e il palco,
tra l'ora e l'era,
ancora una volta, ancora una volta,
l'amore ti chiama per nome.

Addossandoti la tua solitudine
come un'arma che non imparerai a puntare,
ti imbatti in questo cinema,
poi ti arrampichi, ti arrampichi nel fotogramma.
Ma qui, proprio qui,
tra la luce della luna e la stradina,
tra il tunnel e il treno,
tra la vittima e la sua colpa
ancora una volta, ancora una volta,
l'amore ti chiama per nome.

Ho lasciato la donna a riflettere
proprio sull'amore che io, io non voglio esigere,
scendo un centinaio di gradini
ma la strada è sempre la stessa.
Ma qui, proprio qui,
tra il ballerino e il suo bastone,
tra la barca a vela e la fogna
tra il cinegiornale e il tuo piccolo dolore
ancora una volta, ancora una volta,
l'amore ti chiama per nome.

Dove sei, Judy, dove sei Anne?
Dove sono i sentieri lungo i quali i vostri eroi sono giunti?
Domandandomi ad alta voce mentre le bende si staccano,
stavo, stavo solo zoppicando, ero davvero storpio?
Ma qui, proprio qui,
tra il mulino a vento e il chicco di grano,
tra la meridiana e la catena,
tra la traditrice e il suo dolore,
ancora una volta, ancora una volta,
l'amore ti chiama per nome.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.