Moving (1963)

Puff the Magic Dragon

Peter Paul & Mary

Puff the Magic Dragon da Moving, Peter Paul & Mary
Puff the Magic Dragon, testo
Puff, the magic dragon
lived by the sea
And frolicked in the autumn mist
in a land called Honah Lee,
Little Jackie Paper
loved that rascal Puff,
and brought him strings and sealing wax
and other fancy stuff. Oh

Puff, the magic dragon
lived by the sea
And frolicked in the autumn mist
in a land called Honah Lee,
Puff, the magic dragon
lived by the sea
And frolicked in the autumn mist
in a land called Honah Lee.

Together they would travel
on a boat with billowed sail
Jackie kept a lookout perched
on Puff's gigantic tail,
Noble kings and princes would bow
whenever they came,
Pirate ships would lower their flag
when Puff roared out his name. Oh!

Puff, the magic dragon
lived by the sea
And frolicked in the autumn mist
in a land called Honah Lee,
Puff, the magic dragon
lived by the sea
And frolicked in the autumn mist
in a land called Honah Lee.

A dragon lives forever
but not so little boys
Painted wings and giant rings
make way for other toys.
One grey night it happened,
Jackie Paper came no more
And Puff that mighty dragon,
he ceased his fearless roar.

His head was bent in sorrow,
green scales fell like rain,
Puff no longer went to play
along the Cherry Lane.
Without his life-long friend,
Puff could not be brave,
So Puff that mighty dragon
sadly slipped into his cave. Oh!

Puff, the magic dragon
lived by the sea
And frolicked in the autumn mist
in a land called Honah Lee,
Puff, the magic dragon
lived by the sea
And frolicked in the autumn mist
in a land called Honah Lee.
Puff il Drago Magico, traduzione
Puff il drago magico
viveva in riva al mare
e scorrazzava nella nebbia autunnale
nel paese di Honah Lee,
il piccolo Jackie Paper
amava quel monello di Puff,
e gli portava funi e ceralacca
e altre cose divertenti. Oh

Puff il drago magico
viveva in riva al mare
e scorrazzava nella nebbia autunnale
nel paese di Honah Lee,
Puff il drago magico
viveva in riva sul mare
e scorrazzava nella nebbia autunnale
nel paese di Honah Lee.

Insieme viaggiavano
su una barca a vele spiegate
Jackie aveva una torre di avvistamento
sulla gigantesca coda di Puff
Nobili sovrani e principesse si inchinavano
dovunque essi andassero
le navi pirate ammainavano la bandiera
quando Puff ruggiva il proprio nome. Oh!

Puff il drago magico
viveva in riva al mare
e scorrazzava nella nebbia autunnale
nel paese di Honah Lee,
Puff il drago magico
viveva in riva sul mare
e scorrazzava nella nebbia autunnale
nel paese di Honah Lee.

Un drago vive per sempre,
ma un bambino purtroppo no
ali dipinte e anelli giganti
lasciano spazio ad altri giocattoli
E fu in una notte grigia
che Jackie Paper non venne più
e Puff il potente drago
smise di ruggire

La sua testa era piegata dal dolore,
scaglie verdi cadevano come pioggia,
Puff non si recò più
a giocare lungo il Sentiero delle Ciliege
Senza il suo migliore amico,
Puff perse tutto il suo coraggio,
Così Puff il potente drago
si rintanò triste nella sua grotta. Oh!

Puff il drago magico
viveva in riva sul mare
e scorrazzava nella nebbia autunnale
nel paese di Honah Lee,
Puff il drago magico
viveva in riva sul mare
e scorrazzava nella nebbia autunnale
nel paese di Honah Lee.
Puff the Magic Dragon, note e significato

Puff the Magic Dragon è stata scritta da Peter Yarrow nel 1958 e cantata dal trio nel 1961, durante il loro primo concerto. Il testo della canzone è basata su una poesia dell'amico Leonard Lipton, il quale, a sua volta, sembra essersi ispirato a The Tale Of Custard The Dragon di Frederic Ogden Nash (1902 – 1971). Lipton scrisse la poesia a soli 19 anni, quando lui e Yarrow erano ancora compagni di corso alla Cornell University di Ithaca, New York. Nella poesia di Lipton, Puff riusciva a trovare un altro bambino con cui giocare, ma nè l'autore nè Yarrow si ricordano esattamente i versi, e il foglio originale della poesia, lasciato distrattamente da Lipton nella macchina da scrivere di Yarrow, è andato perduto.

Quando la canzone divenne famosa, Yarrow accettò di dividere i credits (e quindi i guadagni) della canzone con Lipton (alcuni sostengono che abbia fatto questo spontaneamente, altri che Lipton abbia contattato il vecchio compagno di corso a seguito del primo concerto).

La canzone è molto conosciuta anche a causa delle numerose censure subite, visto che, secondo alcuni critici, conteneva "chiari riferimenti all'uso di stupefacenti" ("Jackie Paper" starebbe per "rolling paper", preparare la canna, "autumn mist" per "allucinogeno" e "Land of Hanah Lee" indicherebbe una cittadina hawaiana nota per le sue coltivazioni di marijuana).

Gli autori hanno sempre smentito questa ipotesi, e, per sottolineare la manifesta stupidità dei censori, cominciarono a suonare, durante i loro concerti, The Star-Spangled Banner, l'inno nazionale americano, soffermandosi alla fine di ogni strofa per spiegare come questa si riferisse in realtà all'uso di droghe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.