Il Dito e la Luna (1998)

Il Dito e la Luna

Angelo Branduardi

Il Dito e la Luna da Il Dito e la Luna, Angelo Branduardi
Il Dito e la Luna, testo
C'è un sipario che s'alza
C'è un sipario che cala
Si consuma la corda e la tela

Sì per noi vecchi attori
E per voi vecchie attrici
I ricordi si fan cicatrici

Non è il senno di poi
Che ci aiuta a correggere
Con il tempo ogni errore
Che nel tempo si fa

Mentre ancora chi guarda
Nel silenzio allibito
Già sussurra: "l'artista è impazzito"

"Come i gatti di notte
Sotto stelle sbiadite
Crede forse di aver sette vite?"


Quando invece col dito
Indicare la luna
Vuole dire non averne nessuna

C'è una sedia da sempre
Nella fila davanti
Riservata per noi commedianti

Perché mai la fortuna
Che è distratta e furtiva
Ha avvertito la sera che arriva

Nella cinta semmai altri buchi da stringere
E allargare un sorriso se è così che si fa

Con la luce che scende
Col sipario che cala
Si consuma la corda e la tela

Si divide d'un tratto
Da chi ha solo assistito
Chi indicava la luna col dito

E ogni volta lo sciocco
Che di vite ne ha una
Guarda il dito e non guarda la luna
Guarda il dito e non guarda la luna
Il Dito e la Luna, note e significato

La musica di Il Dito e la Luna è presa da Wildflowers (1987) di Dolly Parton. Il testo è di Giorgio Faletti (1950 - 2014).

Il Dito e la Luna, tablatura e accordi
Capo I

  C
C'è un sipario che s'alza
    F                C
C'è un sipario che cala
                       G
Si consuma la corda e la tela
  C
Sì per noi vecchi attori
  F                    C
E per voi vecchie attrici
             C   G     C
I ricordi si fan cicatrici

  F
Non è il senno di poi
   C
Che ci aiuta a correggere
 F
Con il tempo ogni errore
   C               G
Che nel tempo si fa

  C
Mentre ancora chi guarda
   F                  C
Nel silenzio allibito
                    G       C
Già sussurra: "l'artista è impazzito"
   C
"Come i gatti di notte
   F              C
Sotto stelle sbiadite
                     F      G
Crede forse di aver sette vite?"
   C
Quando invece col dito
        F     C
Indicare la luna
 C       G          C
Vuole dire non averne nessuna


F  C    F   C   G

  C
C'è una sedia da sempre
   F            C
Nella fila davanti
                F     G
Riservata per noi commedianti
 C
Perché mai la fortuna
  F                C
Che è distratta e furtiva
            C   G   C
Ha avvertito la sera che arriva

F                         C
Nella cinta semmai altri buchi da stringere
 F                       C            G
E allargare un sorriso se è così che si fa

 C
Con la luce che scende
F                C
Col sipario che cala
        G        C
Si consuma la corda e la tela


F  C    F   C   G

 F
Si divide d'un tratto
 C
Da chi ha solo assistito
F                 C         G
Chi indicava la luna col dito

 C
E ogni volta lo sciocco
F                   C
Che di vite ne ha una
          G             C
Guarda il dito e non guarda la luna
   C          G             C
Guarda il dito e non guarda la luna 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.