Note di Viaggio - Capitolo 1: Venite Avanti... (2019)

Natale a Pavana

Francesco Guccini

Natale a Pavana da Note di Viaggio - Capitolo 1: Venite Avanti..., Francesco Guccini
Natale a Pavana, testo
Del volte i m’arcordo quíi Nadali
(quand’i ero un bambin):
la sfrúmmia del vacanze, dla valísglia,
Al sconsummo dla strada a la stazion
A pée, ma alora a s' caminava verodío
E me babbo davanti con al peso e mí e mé madre'ddré

"Modna, stazion 'd Modna"

E 'na zízzola (maremma can) col braghe corte
E 'na nebbia ch'a t'inzupava al córe
E t'a l'stricava
Per avertase quando 'd sovr'al colle
L'aparizion dla Madonna su a San Lucca
A t' disgeva ch'l'era ariva' Bologgna

Babbo, perché noialtri a 'n se sta ed ca' a Bologgna?
Eee, magara!

E po' piazale Ovest
Ghiggne e chiàccare con vosgi che col treno
Ed colpo già i m' portavan' su i mée monti
El sudava al vapore e quando ed rado
Lascia' cl'altra stazion
S'entrava in galería
Al fummo a s'inflitrava int al vagon
E a l' rempiva i polmon
E s'a t' sopiavi al naso
L'era móccio e carbon

E neve, tanta neve, bianca e fina
E neve, tanta neve, tanta neve
Fin a la Venturina
D'là dal fiumme a i era
Al monte dla mé Pavna
La sóo magia
E la mé forza e la mé fantasia

E giò dal treno, zia Rina la c'aspetava
L'era andada comprare l'anguilla dla vigília
Zia Rina la disgeva:
"Via, via, ch'l'è belle buíio!"
Per Nadale la notte la vén presto
E via che 'd strada, tanta
A i né ancora da fare
A pée, ma l'era tutt'un caminare
Cla strada belle fatta tante volte
fra dóo montaggne 'd neve

E in ca' i i'eren tutti
Nonna mabília a i era
Zio Rico, Nonno Pietro e Zia Teresa
Con i taselli 'd tavole 'd castaggno
E i sacchi amontina' lí'd fianco a i muri
E l'acqua ch'la scoreva dal botaccio per far andar el masg'ne
Per tridare el castaggne, robbanera, frumento e formenton
Che gran savore 'd bón
Che gran savore 'd bón

L'era, l'era ca' mia
I ero torna' a ca' mia
Al me fiumme, ai mée monti, al mé mondo
E Modna, e la só torre, l'eran armaste un soggno
Soltanto un brutto soggno, che al Limentra
Con la piéna d'inverno
A l'portava via

L'era, l'era ca' mia
I ero torna' a ca' mia
Al me fiumme ai mée monti, al mé mondo
E Modna, e la só torre, l'eran armaste un soggno
Che al Limentra
A l'portava via
Natale a Pavana, traduzione
A volte mi sovvengono quei Natali
(quando ero un bambino):
l'agitazione delle vacanze, della valigia,
la fatica dalla strada alla stazione
a piedi, ma allora si camminava, quant'è vero Dio
e mio padre davanti con i bagagli e mia madre dietro.

"Modena, stazione di Modena"

E un freddo (Maremma cane), con le braghe corte,
e la nebbia che ti inzuppava il cuore,
e te lo scioglieva
per aprirsi quando da sopra al colle
l'apparizione della Madonna su a San Luca
e ti diceva che eri arrivato a Bologna.

Babbo, perché noi altri non ci sistemiamo a Bologna?
Eee, magari!

E poi piazzale Ovest,
volti e chiacchiere con voci che col treno
mi portavano di colpo sui miei monti
sudava vapore e quando di rado
lasciava l'altra stazione
e si entrava in galleria
il fumo s'infiltrava nel vagone
e riempiva i polmoni
e se ti soffiavi il naso
usciva moccio e carbone.

E neve, tanta neve, bianca e fine.
E neve, tanta neve, tanta neve
fino alla Venturina.
Al di là del fiume vi era
Il monte della mia Pavana,
la sua magia
e la mia forza e la mia fantasia

Giù dal treno, Zia Rina, che ci aspettava,
era andata a comprare l'anguilla della Vigilia
Zia Rina diceva:
"Via, via, che è bello buio!"
a Natale la notte arriva presto
E via per la strada, tanta,
ce n'è ancora da fare
a piedi, ma era tutto un camminare
Quella strada fatta tante volte
fra due montagne di neve.

E in casa c'erano tutti,
Nonna Mabilia,
Zio Rico, Nonno Pietro e Zia Teresa,
col pavimento di tavole di castagno
e i sacchi ammonticchiati lì di fianco ai muri
e l'acqua che scorreva dal bacino per far andare il mulino,
per tritare le castagne, il foraggio, il frumento e il mais.
Che grande sapore di buono!
Che grande sapore di buono!

Era, era casa mia,
io ero tornato a casa mia,
al mio fiume, ai miei monti, al mio mondo
e Modena, e la sua torre, erano rimaste un sogno,
soltanto un brutto sogno, che il Limentra
con il pieno inverno.
portava via

Era, era casa mia,
io ero tornato a casa mia,
al mio fiume,
ai miei monti, al mio mondo
e Modena, e la sua torre, erano rimaste un sogno,
che la Limentra
aveva portato via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.