Note di Viaggio - Capitolo 1: Venite Avanti... (2019)

Natale a Pavana

Francesco Guccini

Natale a Pavana da Note di Viaggio - Capitolo 1: Venite Avanti..., Francesco Guccini
Natale a Pavana, testo
Del volte i m’arcordo quíi Nadali
(quand’i ero un bambin):
la sfrúmmia del vacanze, dla valísglia,
Al sconsummo dla strada a la stazion
A pée, ma alora a s' caminava verodío
E me babbo davanti con al peso e mí e mé madre'ddré

"Modna, stazion 'd Modna"

E 'na zízzola (maremma can) col braghe corte
E 'na nebbia ch'a t'inzupava al córe
E t'a l'stricava
Per avertase quando 'd sovr'al colle
L'aparizion dla Madonna su a San Lucca
A t' disgeva ch'l'era ariva' Bologgna

Babbo, perché noialtri a 'n se sta ed ca' a Bologgna?
Eee, magara!

E po' piazale Ovest
Ghiggne e chiàccare con vosgi che col treno
Ed colpo già i m' portavan' su i mée monti
El sudava al vapore e quando ed rado
Lascia' cl'altra stazion
S'entrava in galería
Al fummo a s'inflitrava int al vagon
E a l' rempiva i polmon
E s'a t' sopiavi al naso
L'era móccio e carbon

E neve, tanta neve, bianca e fina
E neve, tanta neve, tanta neve
Fin a la Venturina
D'là dal fiumme a i era
Al monte dla mé Pavna
La sóo magia
E la mé forza e la mé fantasia

E giò dal treno, zia Rina la c'aspetava
L'era andada comprare l'anguilla dla vigília
Zia Rina la disgeva:
"Via, via, ch'l'è belle buíio!"
Per Nadale la notte la vén presto
E via che 'd strada, tanta
A i né ancora da fare
A pée, ma l'era tutt'un caminare
Cla strada belle fatta tante volte
fra dóo montaggne 'd neve

E in ca' i i'eren tutti
Nonna mabília a i era
Zio Rico, Nonno Pietro e Zia Teresa
Con i taselli 'd tavole 'd castaggno
E i sacchi amontina' lí'd fianco a i muri
E l'acqua ch'la scoreva dal botaccio per far andar el masg'ne
Per tridare el castaggne, robbanera, frumento e formenton
Che gran savore 'd bón
Che gran savore 'd bón

L'era, l'era ca' mia
I ero torna' a ca' mia
Al me fiumme, ai mée monti, al mé mondo
E Modna, e la só torre, l'eran armaste un soggno
Soltanto un brutto soggno, che al Limentra
Con la piéna d'inverno
A l'portava via

L'era, l'era ca' mia
I ero torna' a ca' mia
Al me fiumme ai mée monti, al mé mondo
E Modna, e la só torre, l'eran armaste un soggno
Che al Limentra
A l'portava via
Natale a Pavana, traduzione
A volte mi sovvengono quei Natali
(quando ero un bambino):
l'agitazione delle vacanze, della valigia,
la fatica dalla strada alla stazione
a piedi, ma allora si camminava, quant'è vero Dio
e mio padre davanti con i bagagli e mia madre dietro.

"Modena, stazione di Modena"

E un freddo (Maremma cane), con le braghe corte,
e la nebbia che ti inzuppava il cuore,
e te lo scioglieva
per aprirsi quando da sopra al colle
l'apparizione della Madonna su a San Luca
e ti diceva che eri arrivato a Bologna.

Babbo, perché noi altri non ci sistemiamo a Bologna?
Eee, magari!

E poi piazzale Ovest,
volti e chiacchiere con voci che col treno
mi portavano di colpo sui miei monti
sudava vapore e quando di rado
lasciava l'altra stazione
e si entrava in galleria
il fumo s'infiltrava nel vagone
e riempiva i polmoni
e se ti soffiavi il naso
usciva moccio e carbone.

E neve, tanta neve, bianca e fine.
E neve, tanta neve, tanta neve
fino alla Venturina.
Al di là del fiume vi era
Il monte della mia Pavana,
la sua magia
e la mia forza e la mia fantasia

Giù dal treno, Zia Rina, che ci aspettava,
era andata a comprare l'anguilla della Vigilia
Zia Rina diceva:
"Via, via, che è bello buio!"
a Natale la notte arriva presto
E via per la strada, tanta,
ce n'è ancora da fare
a piedi, ma era tutto un camminare
Quella strada fatta tante volte
fra due montagne di neve.

E in casa c'erano tutti,
Nonna Mabilia,
Zio Rico, Nonno Pietro e Zia Teresa,
col pavimento di tavole di castagno
e i sacchi ammonticchiati lì di fianco ai muri
e l'acqua che scorreva dal bacino per far andare il mulino,
per tritare le castagne, il foraggio, il frumento e il mais.
Che grande sapore di buono!
Che grande sapore di buono!

Era, era casa mia,
io ero tornato a casa mia,
al mio fiume, ai miei monti, al mio mondo
e Modena, e la sua torre, erano rimaste un sogno,
soltanto un brutto sogno, che il Limentra
con il pieno inverno.
portava via

Era, era casa mia,
io ero tornato a casa mia,
al mio fiume,
ai miei monti, al mio mondo
e Modena, e la sua torre, erano rimaste un sogno,
che la Limentra
aveva portato via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.