Parnassius Guccinii (1993)

Farewell

Francesco Guccini

Farewell da Parnassius Guccinii, Francesco Guccini
Farewell, testo
E sorridevi, e sapevi sorridere,
coi tuoi vent'anni portati così,
come si porta un maglione sformato su un paio di jeans;
come si sente la voglia di vivere
che scoppia un giorno e non spieghi il perché:
un pensiero cullato o un amore che è nato e non sai che cos'è.
Giorni lunghi tra ieri e domani, giorni strani,
giorni a chiedersi tutto cos'era, vedersi ogni sera;
ogni sera passare su a prenderti
con quel mio buffo montone orientale,
ogni sera là, a passo di danza, salire le scale
e sentire i tuoi passi che arrivano,
il ticchettare del tuo buonumore,
quando aprivi la porta il sorriso ogni volta mi entrava nel cuore.

Poi giù al bar dove ci si ritrova, nostra alcova,
era tanto potere parlarci, giocare a guardarci,
fra gli amici che ridono e suonano,
attorno ai tavoli pieni di vino,
religione del tirare tardi e aspettare mattino;
e una notte lasciasti portarti via,
solo la nebbia e noi due in sentinella,
la città addormentata non era mai stata così tanto bella.
Era facile vivere allora, ogni ora,
chitarre e lampi di storie fugaci, di amori rapaci,
e ogni notte inventarsi una fantasia,
da bravi figli dell'epoca nuova,
ogni notte sembravi chiamare la vita a una prova.
Ma stupiti e felici scoprimmo che
era nato qualcosa più in fondo,
ci sembrava di avere trovato la chiave segreta del mondo.

Non fu facile volersi bene, restare assieme
o pensare d'avere un domani, restare lontani;
tutti e due a immaginarsi: "Con chi sarà?"
In ogni cosa un pensiero costante,
un ricordo lucente e durissimo, come il diamante,
e a ogni passo lasciare portarci via
da un'emozione non piena, non colta:
rivedersi era come rinascere ancora una volta.
Ma ogni storia ha la stessa illusione, sua conclusione,
e il peccato fu creder speciale una storia normale.
Ora il tempo ci usura e ci stritola
in ogni giorno che passa correndo,
sembra quasi che ironico scruti e ci guardi irridendo.

E davvero non siamo più quegli eroi
pronti assieme ad affrontare ogni impresa;
siamo come due foglie aggrappate ad un ramo in attesa.
Farewell, non pensarci e perdonami
se ti ho portato via un poco d'estate
con qualcosa di fragile come le storie passate.
Forse un tempo poteva commuoverti
ma ora è inutile, credo, perché
ogni volta che piangi e che ridi non piangi e non ridi con me.
Farewell, note e significato

Farewell parla della relazione con Angela, compagna di Guccini e madre della figlia Teresa. I due si erano da poco separati al momento dell'incisione del disco. L'intermezzo di Farewell ("The triangle tingles / And the trumpets play slow") è una citazione della canzone Farewell Angelina, scritta da Bob Dylan nel 1965.

Farewell, tablatura e accordi
       Bm               C
E sorridevi e sapevi sorridere
              G             Em
coi tuoi vent'anni portati così,
         G                   C
come si porta un maglione sformato
       A      D
su un paio di jeans;
         G                   C
come si sente la voglia di vivere
                G                          Em
che scoppia un giorno e non spieghi il perché:
       G                 D
un pensiero cullato o un amore che è nato
        C          G C G
e non sai che cos'è.

        G                 C            G      C G
Giorni lunghi tra ieri e domani, giorni strani,
           G                C
giorni a chiedersi tutto cos'era,
   A7         D
vedersi ogni sera;
      Bm                 C
ogni sera passare su a prenderti
              G                 Em
con quel mio buffo montone orientale,
       G                  C        A7       D
Ogni sera là, a passo di danza, salire le scale
      G                       C
e sentire i tuoi passi che arrivano,
          G                 Em
il ticchettare del tuo buonumore,
          G                   D
Quando aprivi la porta il sorriso ogni volta
       C         G C G
mi entrava nel cuore.

            G               C             G    C G
Poi giù al bar dove ci si ritrova, nostra alcova,
     G               C        A7          D
era tanto potere parlarci, giocare a guardarci,
         Bm                 C
tra gli amici che ridono e suonano
           G               Em
attorno ai tavoli pieni di vino,
     G                C           A7       D
religione del tirare tardi e aspettare mattino;
       G                  C
e una notte lasciasti portarti via,
         G                      Em
solo la nebbia e noi due in sentinella,
       G                  D
la città addormentata non era mai stata
 C         G  C G
così tanto bella.

     A               D         A   D A
Era facile vivere allora, ogni ora,
            A            D             B7     E
chitarre e lampi di storie fugaci, di amori rapaci,
       C#m                   D
e ogni notte inventarsi una fantasia
          A               F#m
da bravi figli dell'epoca nuova,
      A                  D       B7          E
ogni notte sembravi chiamare la vita a una prova.
      A                  D
Ma stupiti e felici scoprimmo che
    A                   F#m
era nato qualcosa più in fondo,
        A              E
ci sembrava d'avere trovato la chiave
    D       A   D A
segreta del mondo.

        A             D             A     D A
Non fu facile volersi bene, restare assieme
     A                  D        B7      E
o pensare d'avere un domani, restare lontani;
        C#m                           D
tutti e due a immaginarsi: "con chi sarà?"
         A                  F#m
in ogni cosa un pensiero costante,
     A                  D      B7          E
un ricordo lucente e durissimo come il diamante
          A                 D
e a ogni passo lasciare portarci via
          A                   F#m
da un'emozione non piena, non colta:
     A                E                D    A D A
rivedersi era come rinascere ancora una volta.


G C   G

          G                   C               G    C G
Ma ogni storia la stessa illusione, sua conclusione,
      G                    C          A7       D
e il peccato fu creder speciale una storia normale
        Bm                   C
ora il tempo ci usura e ci stritola
         G                  Em
in ogni giorno che passa correndo,
         G                  C         A7         D
sembra quasi che ironico scruti e ci guardi irridendo.
      G                   C
E davvero non siamo più quegli eroi
          G                         Em
pronti assieme a affrontare ogni impresa;
       G                     D                   C   G C G
siamo come due foglie aggrappate su un ramo in attesa.

     G       Em              C             D
"The triangle tingles and the trumpet plays slow"...

     Bm                     C
Farewell, non pensarci e perdonami
            G                    Em
se ti ho portato via un poco d'estate
         G              C         A7       D
con qualcosa di fragile come le storie passate
          G                C
forse un tempo poteva commuoverti
          G                 Em
ma ora è inutile, credo, perché
      G                      D
ogni volta che piangi e che ridi
                 C        G C G
non piangi e non ridi con me...

Una risposta a “Farewell”

  1. “e il peccato fu creder speciale una storia normale”
    “ogni volta che piangi e che ridi non piangi e non ridi con me”
    parole bellissime e riflessive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.