Canto di Primavera (1979)

Interno Città

Banco del Mutuo Soccorso

Interno Città da Canto di Primavera, Banco del Mutuo Soccorso
Interno Città, testo
Viene giù lento questo cielo d'acqua
senza respiro
come se non fosse niente ,
sopra il traffico e le luci
che galleggiano lungo la strada
senza respiro.

E sentire poi quest'aria molle
che mi sa di polvere da sparo
senza respiro ma viene giù.
Anche la storia che è scritta sui muri
si scioglie e si mischia la storia sui muri.

Come l'acqua fugge via la città
alle nove di sera
ma il mare non la vuole
come l'acqua fugge via la città
così anche stasera il mare non la vuole.

Sempre più lento
questo cielo d'acqua
senza respiro sull'umore della gente
come un topo ti rifugi in casa
e pensi che non c'entri niente
ma ci sei dentro sempre di più,
è un vizio sperare.

Come l'acqua fugge via la città
fugge anche stasera
ma il mare non lo vuole
Come l'acqua fugge via la città
così anche stasera
e il mare non la vuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.