Non al Denaro non all’Amore nè al Cielo (1971)

Un Chimico

Fabrizio De Andrè

Un Chimico da Non al Denaro non all’Amore nè al Cielo, Fabrizio De Andrè
Un Chimico, testo
Solo la morte m'ha portato in collina
un corpo fra i tanti a dar fosforo all'aria
per bivacchi di fuochi che dicono fatui
che non lasciano cenere, non sciolgon la brina.
Solo la morte m'ha portato in collina.

Da chimico un giorno avevo il potere
di sposare gli elementi e di farli reagire,
ma gli uomini mai mi riuscì di capire
perché si combinassero attraverso l'amore.
Affidando ad un gioco la gioia e il dolore.

Guardate il sorriso guardate il colore
come giocan sul viso di chi cerca l'amore:
ma lo stesso sorriso lo stesso colore
dove sono sul viso di chi ha avuto l'amore.
Dove sono sul viso di chi ha avuto l'amore.

È strano andarsene senza soffrire,
senza un voto di donna da dover ricordare.
Ma è fosse diverso il vostro morire
vuoi che uscite all'amore che cedete all'aprile.
Cosa c'è di diverso nel vostro morire.

Primavera non bussa lei entra sicura
come il fumo lei penetra in ogni fessura
ha le labbra di carne i capelli di grano
che paura, che voglia che ti prenda per mano.
Che paura, che voglia che ti porti lontano.

Ma guardate l'idrogeno tacere nel mare
guardate l'ossigeno al suo fianco dormire:
soltanto una legge che io riesco a capire
ha potuto sposarli senza farli scoppiare.
Soltanto la legge che io riesco a capire.

Fui chimico e, no, non mi volli sposare.
Non sapevo con chi e chi avrei generato:
Son morto in un esperimento sbagliato
proprio come gli idioti che muoion d'amore.
E qualcuno dirà che c'è un modo migliore.
Trainor, the Druggist, originale
Only the chemist can tell, and not always the chemist,
What will result from compounding
Fluids or solids.
And who can tell
How men and women will interact
On each other, or what children will result?
There were Benjamin Pantier and his wife,
Good in themselves, but evil toward each other;
He oxygen, she hydrogen,
Their son, a devastating fire.
I Trainor, the druggist, a miser of chemicals,
Killed while making an experiment,
Lived unwedded.
Trainor, il chimico, originale tradotto
Soltanto un chimico può dire, e non sempre,
che cosa uscirà dalla combinazione
di fluidi o di solidi.
E chi può dire
come uomini e donne reagiranno
fra loro, e quali bambini nasceranno?
C'erano Benjamin Pantier e sua moglie,
buoni in se stessi, ma cattivi l'un per l'altro:
ossigeno lui, idrogeno lei,
il figlio un fuoco devastatore.
Io, Trainor, il farmacista, mescolatore di elementi chimici,
morto mentre facevo un esperimento,
vissi senza sposarmi.
Un Chimico, note e significato

Un Chimico è tratta dal brano Trainor, the Druggist.

Un Chimico, tablatura e accordi
C          G       Am            Em
Solo la morte m'ha portato in collina:
      F           C          D7         G7
un corpo fra i tanti a dar fosforo all'aria
      F                      G7     C
per bivacchi di fuochi che dicono fatui,
          F        C         D7             G7
che non lasciano cenere, non sciolgon la brina,
  F        C           G7           C
solo la morte mi ha portato in collina.

             G        Am     Em
Da chimico un giorno avevo il potere
      F             C    D7         G7
di sposar gli elementi a farli reagire,
       F                     G7     C
ma gli uomini mai mi riusci' di capire
        F          C         D7       G7
perche' si combinassero attraverso l'amore,
  F             C              G7     C
affidando ad un gioco la gioia e il dolore.

  C                        F         C
Guardate il sorriso, guardate il colore
     F            C         F        G
come giocan sul viso di chi cerca l'amore
       C                      F      C
ma lo stesso sorriso, lo stesso colore
     F          C         F          G7
dove sono sul viso di chi ha avuto l'amore,
     F          C            G7       C
dove sono sul viso di chi ha avuto l'amore.

             G          Am       Em
Che strano andarsene senza soffrire,
   F                 C       D7         G7
senza un volto di donna da dover ricordare,
     F                G7       C
ma forse diverso il vostro morire
        F           C           D7           G7
voi che uscite all'amore, che cedete all'aprile,
  F            C           G7       C
cosa c'e' di diverso nel vostro morire.

             G          Am       Em
Primavera non bussa, lei entra sicura,
   F                 C       D7         G7
come il fumo lei penetra in ogni fessura,
     F                G7       C
ha le labbra di carne, i capelli di grano,
     F          C         F          G7
che paura, che voglia che ti prenda per mano,
     F          C            G7       C
che paura, che voglia che ti porti lontano.

                  G         Am      Em
Fui chimico e no, non mi volli sposare,
      F            C      D7         G7
non sapevo con chi e chi avrei generato
        F              G7           C
son morto in un esperimento sbagliato
   F              C         D7        G7
proprio come gli idioti che muoion d'amore
  F              C           G7         C  G7
e qualcuno dira' che c'e' un modo migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.