Le Nuvole (1990)

Don Raffaè

Fabrizio De Andrè

Don Raffaè da Le Nuvole, Fabrizio De Andrè
Don Raffaè, testo
Io mi chiamo Pasquale Cafiero
e son brigadiere del carcere oinè
io mi chiamo Cafiero Pasquale
sto a Poggio Reale dal '53

E al centesimo catenaccio
alla sera mi sento uno straccio
per fortuna che al braccio speciale
c'è un uomo geniale che parla co' me

Tutto il giorno con quattro infamoni
briganti, papponi, cornuti e lacchè
tutte l'ore cò ‘sta fetenzia
che sputa minaccia e s'à piglia cò me

Ma alla fine m'assetto papale
mi sbottono e mi leggo ‘o giornale
mi consiglio con don Raffae'
mi spiega che penso e bevimm'ò cafè

A che bell'ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co' à ricetta ch'à Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mammà

Prima pagina venti notizie
ventuno ingiustizie e lo Stato che fa
si costerna, s'indigna, s'impegna
poi getta la spugna con gran dignità
mi scervello e mi asciugo la fronte
per fortuna c'è chi mi risponde
a quell'uomo sceltissimo immenso
io chiedo consenso a don Raffaè

Un galantuomo che tiene sei figli
ha chiesto una casa e ci danno consigli
mentre ‘o assessore che Dio lo perdoni
‘ndrento a ‘e roullotte ci tiene i visoni
voi vi basta una mossa una voce
c'ha ‘sto Cristo ci levano ‘a croce
con rispetto s'è fatto le tre
volite ‘a spremuta o volite ‘o cafè

A che bell'ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co' à ricetta ch'à Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mammà

A che bell'ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co' à ricetta ch'à Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mammà

Qui ci stà l'inflazione, la svalutazione
e la borsa ce l'ha chi ce l'ha
io non tengo compendio che chillo stipendio
e un ambo se sogno ‘a papà
aggiungete mia figlia Innocenza
vuo' marito non tiene pazienza
non chiedo la grazia pe' me
vi faccio la barba o la fate da sé

Voi tenete un cappotto cammello
che al maxi processo eravate ‘o chiù bello
un vestito gessato marrone
così ci è sembrato alla televisione
pe' ‘ste nozze vi prego Eccellenza
mi prestasse pe' fare presenza
io già tengo le scarpe e ‘o gillè
gradite ‘o Campari o volite ‘o cafè

A che bell'ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co' à ricetta ch'à Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mammà

A che bell'ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co' à ricetta ch'à Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mammà

Qui non c'è più decoro le carceri d'oro
ma chi l'ha mi viste chissà
chiste so' fatiscienti pe' chisto i fetienti
se tengono l'immunità

Don Raffaè voi politicamente
io ve lo giuro sarebbe ‘no santo
ma ‘ca dinto voi state a pagà
e fora chiss'atre se stanno a spassà

A proposito tengo ‘no frate
che da quindici anni sta disoccupato
chill'ha fatto quaranta concorsi
novanta domande e duecento ricorsi
voi che date conforto e lavoro
Eminenza vi bacio v'imploro
chillo duorme co' mamma e co' me
che crema d'Arabia ch'è chisto cafè.
Don Raffaè, note e significato

La musica di Don Raffaé è di Mauro Pagani, i testi di Massimo Bubola e Fabrizio de Andrè. Quest' ultimo racconta un curioso aneddoto al riguardo:

La canzone 'Don Raffaé' alludeva a Raffaele Cutolo [boss della Camorra], ma ovviamente né io né Massimo Bubola, coautore del brano, disponevamo di notizie di prima mano sulla sua detenzione.

Immaginate la mia sorpresa quando ho ricevuto una lettera di Cutolo che mi faceva i complimenti per la canzone e aggiungeva: 'Non capisco come abbia fatto a cogliere la mia personalità e la mia situazione in carcere senza avermi mai incontrato'. Non si era offeso e gli era piaciuto il verso 'Don Raffaè voi politicamente, io ve lo ggiuro sarebbe nnu santo' ed anche quello in cui il secondino gli chiede il favore di trovare un posto di lavoro a un suo parente.

Alla lettera Cutolo aveva allegato un libro di sue poesie. Almeno un paio davvero pregevoli. Gli ho risposto per ringraziarlo. Recentemente - conclude De André - mi ha scritto ancora. Pero' stavolta non gli ho risposto. Un carteggio con Cutolo non mi sembra il massimo. Per finire in manette basta assai meno.

Il ritornello della canzone si rifà alla canzone "'o caffé" di Domenico Modugno. L'utilizzo del dialetto è ispirato al libro Alunni del Sole di Giuseppe Marotta, come raccontato da De Andrè stesso:

Ho usato apposta un dialetto napoletano maccheronico [..] La chiave me l'ha data [il libro] gli 'Alunni del Sole' di Marotta, dove c'è questo don Vito Cacace che è l'intellettuale della zona e alla sera raduna tutti quanti e gli legge il giornale, spiegando che cosa succede. Poi, in certe parti, c'è anche qui l'attacco allo Stato: lo Stato si indigna, si impegna. Sono le parole di Spadolini, quando si precipitò a Palermo in occasione di una delle tante stragi mafiose [probabilmente quella del Generale Carlo Dalla Chiesa]: 'Sono costernato, sono indignato e mi impegno...'"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.