D’Amore di Morte e di Altre Sciocchezze (1996)

I Fichi

Francesco Guccini

I Fichi da D’Amore di Morte e di Altre Sciocchezze, Francesco Guccini
I Fichi, testo
La canzone, onestamente, come testo non è un granché.
Però ci ho messo tutta una grande ouverture musicale.
Quindi attendete, vado ad eseguire l'ouverture.
L'ouverture mi è riuscita un... un sessanta per cento,
che non è una brutta percentuale, credetemi... no, sì, eeh, no no.
È che io a questo punto avrei dovuto fare un do,
ma il do non è una nota facile, il do è una nota...
Beethoven che era Beethoven il do ci prendeva un...
un ottanta per cento delle volte, anzi ha scritto una
"Decima sinfonia senza do perché mi fa rabbia", ma la società
"Gli amici delle sette note" non gli ha mai permesso di pubblicare.
E il tempo di questa canzone è un tempo, il tempo è un tempo...
carina questa: il tempo è un tempo, ma, il tempo un tempo era...
Ah, un momento, bisogna spiegare a quelli di sotto che il
microfono che dovrebbe essere qui è qui e il microfono
che dovrebbe essere qui è qui.
Il fatto che qui e qui in italiano si dica nello
stesso modo complica orrendamente le cose però...
Va beh, insomma, il tempo un tempo era...
un valzer moderato, ma col passar del tempo, e te dai...
Ha acquistato una precisa coscienza politica ed è diventato
un valzer decisamente di sinistra. Ah ah aah! Aah!
Virtuosismi? Ma vorrei l'applauso.
Temo che questa chitarra sia orrendamente scordata,
ma il pezzo è giusto con la chitarra orrendamente scordata.
La canzone potrebbe ricordare a qualcuno..., la canzone si chiama
"I fichi", potrebbe ricordare a qualcuno "I crauti".
"I crauti" è una canzone scritta tanti anni fa, una canzone...
si fa per dire, che faceva:

Io non capisco la gente

Eh te fai sì sì con la testa, la conosci!
È la tua canzone preferita.
Te a un certo punto vai col tuo amoroso e dici
"Senti, suonano i crauti: è la nostra canzone!"
No, un momento c'è della gente così, eh!

Io non capisco la gente

questo è il valzer con una precisa coscienza politica,
però non è, cioè, c'è un..., è, è, mas..., lei mi dica... ha una...

che non ci piacciono i crauti.

Ecco, la mia canzone è molto diversa, molto diver... Fa:
Io non capisco la gente

eh lo so, va beh, d'altra parte...

che non ci piacciono i fichi.

Già diversa! Già diversa!

l'han detto persino gli antichi
sì ai fichi ed abbasso i bignè.

Virtuosismo. C'è questo sol che è... è un mi bemolle, comunque...
Lo abbassiamo?
Lei cosa dice? Lo abbassiamo? Ma sì... Ma sì...
Seconda strofa nella quale si va a spiegare l'ontologia del fico,
ovvero la vera, reale essenza del fico. Che non, non è da tutti,
insomma, per il fico, intendo.
Notate che quando faccio il virtuosismo mi abbasso con la spalla
sinistra perché mi viene... più facile.
Peccato che nel disco non lo vedranno che mi abbasso con la spalla
sinistra, ma... Eh? Cosa viene adesso?

I fichi son quella cosa
pregevoli assieme al prosciutto
mangiabili in parte o del tutto
da soli o sia pure in alcun.

A few body, come dicono gli anglosassoni.

Mangiabili in piedi o a Verona,
a letto, al mattino, in stazione,
dovunque dà gioia... il... il melone

Ah ah! Questa è un'altra canzone.

Mangiabili in verno o d'estate
e fino all'autunno inoltrato,
ma allora ci ha il nome cambiato
e si chiamano marron-glacés.

Quando uno è bravo...

Ma quando è maturo e sugoso,
è allora il momento del fico
ch'è buono sì ché non vi dico.
Oh rabbia, che ormai l'ho già dett!

La canzone... vi sarete resi conto che è di
grande serietà e di grande impegno.
È una canzone scientifico-morale e in questa strofa
io vado a spiegare...
le prove scientifiche della beneficità del fico per gli esseri umani. Vai!
Ehm, l'ho detto prima di Beethoven che non...
Se qualcuno mi tenesse un... dito qua...

Il fico fa bene alla vista.

Stupiti! Vi vedo stupiti.

gli uccelli ne mangian quintali
e quasi nessuno ha gli occhiali
ma questo è un segreto di poc.
Ma questo è soltanto uno scherzo
di quello che giova in salute:
su in Svezia che han larghe vedute

anche sui 30-40cm...

i fichi la mutua li dà.

Eh? Un applauso, veh, per cortesia! Se ce ne fosse bisogno,
successive prove della beneficità del fico in natura:

Te prova ad andar sotto a un camions
oppure va' sotto a un tranvai
poi vai sotto a un fico e vedrai
di quanto starai tu più ben.

Controindicazioni.

Ma attenti a non far come quello
che in preda a pensieri lubrichi
andò sotto a un camions di fichi
non puro può far molto mal.

Con... con grande vostro e mio dolore,
soprattutto vostro, ma anche mio,
siamo giunti al finale che vi spiegherà la parte direi... ehm...
la parte "direi" della canzone.

Ma ormai sono giunto alla fine
e vi ho visto d'accordo e contenti
fra un fico e un cazzotto nei denti
ognuno ormai sceglier saprà.

Non è tanto per me, quanto per i fichi!
I Fichi, note e significato

"I Fichi" segna un ritorno allo stile del cabaret di "Opera Buffa", ed è infatti saggiamente relegata in fondo al disco. Venne composta nel 1976, sulla falsa riga de "I Crauti" di Ivan della Mea (il cui testo è riportato alla fine della nota), ed eseguita per la prima volta nel programma "Televacca" di Roberto Benigni.

I Crauti Io non capisco la gente che non ci piaciano i crauti. Bisogna andar molto cauti: perchè? perchè? perchè?. I crauti sono quella cosa che si schiaffano dentro ai barili Poi si vendono a chili mezzo etto, quattro etti, a piacer. No proprio non lo sapevo che la pistola era carica: Certo, l'avessi saputo, non avrei fatto: Bum! Ma adesso che il guaio è fatto portate via il morto. Si, si starò più accorta e non farò più: Bum! Ricordo una sera a Varazze, che venivo giù da Savona, No, non era Varazze Non era nemmeno Savona, Non era nemmeno quella volta lì. Diciamo la verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.