Thanks for the Dance (2019)

It’s Torn

Leonard Cohen

It’s Torn da Thanks for the Dance, Leonard Cohen
It’s Torn, testo
I see you in windows
That open so wide
There's nothing beyond them
And no one inside

You kick off your sandals
And shake out your hair
The salt on your shoulders
Like sparks in the air

There's silt on your ankles
And sand on your feet
The river too shallow
The ocean too deep

You smile at your suffering
The sweetest reprieve
Why did you leave us?
Why did you leave?

You kick off your sandals
And shake out your hair
It's torn where you're dancing
It's torn everywhere

It's torn on the right
And it's torn on the left
It's torn in the centre
Which few can accept

It's torn where there's beauty
It's torn where there's death
It's torn where there's mercy
But torn somewhat less

It's torn in the highest
From kingdom to crown
The messages fly
But the network is down

Bruised at the shoulder
And cut at the wrist
The sea rushes home
To its thimble of mist

The opposites falter
The spirals reverse
And Eve must re-enter
The sleep of her birth

And up through the system
The worlds are withdrawn
From every dominion
The mind stood upon

And now that you told her
And now that it's done
The name has no number
Not even the one

Come gather the pieces
All scattered and lost
The lie in what's holy
The light in what's not

The story's been written
The letter's been sealed
You gave me a lily
But now it's a field

You kick off your sandals
And shake out your hair
It's torn where you're dancing
It's torn everywhere
É Lacero, traduzione
Ti vedo in finestre
così spalancate
che non c'è nulla al di là
e nessuno lì dentro

Ti togli le scarpe
e ravvii i tuoi capelli
Il sale sulle spalle
come scintille nell'aria

C'è salsedine sulle tue caviglie
e sabbia sui tuoi piedi
il letto del fiume è troppo basso
e l'oceano troppo profondo

Hai sorriso al tuo dolore
la grazia più dolce
Perché ci hai lasciato?
Perché te ne sei andata?

Ti togli le scarpe
e ravvii i tuoi capelli
É lacero il luogo dove danzi
É lacero ovunque

É lacero a destra
e lacero a sinistra
lacero nel mezzo
che pochi posso accettare

É lacero dove c'è la bellezza
É lacero dove c'è morte
É lacero dove c'è pietà
ma in qualche modo meno lacero

É lacero all'altissimo
dal regno alla corona
I messaggi volano
Ma la rete è bloccata

Ferita alla spalle
e tagliata ai polsi
Il mare si affretta verso casa
Nel suo anello di pioggia

Gli oppositi si indeboliscono
le spirali tornano indietro
E Eva è costretta a rientrare
nel sonno della sua nascita

E in alto nel sistema
i mondi si ritirano
da ogni dominio
sul quale comandava la mente

E ora che le hai detto
e ora che è fatto
Il nome non ha un numero
neanche il primo

Raccogli i pezzi
frantumati e perduti
la menzogna di ciò che è santo
la luce in ciò che non lo è

La storia è stata scritta
la lettera è stata sigillata
Mi hai dato un giglio
ma ora è diventato un campo

Ti togli le scarpe
e ravvii i tuoi capelli
É lacero il luogo dove danzi
É lacero ovunque
It’s Torn, note e significato

La musica di It's torn è stata scritta da Adam Cohen e Sharon Robinson.

Silt significa letteralmente limo o sedimento, ma, per continuità con gli altri sostantivi della strofa, si è preferito il termine salsedine.Thimble significa sia ditale che redancia, ovvero un anello di metallo o di legno che viene inserito nel nodo di un cavo per proteggerlo dall'usura.

Una risposta a “It’s Torn”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.