Per Brevità Chiamato Artista (2008)

Per Brevità Chiamato Artista

Francesco De Gregori

Per Brevità Chiamato Artista da Per Brevità Chiamato Artista, Francesco De Gregori
Per Brevità Chiamato Artista, testo
Per brevità chiamato artista
Tutta una vita da arrampicare
Come una scimmia sulla schiena di qualcuno
Come un uccello sul filo o un ubriaco per le scale
Che quando cade sa cadere e non si fa male
O non lo fa vedere

Doppio come una medaglia se fosse d'oro sarebbe cartone
Il cieco con la voce buona e il muto che ci vede bene
Invitami stasera a cena e arriveremo insieme

Per brevità chiamato artista
Tutta una vita a girare intorno
Come uno stupido o un ballerino
Giovane illuminista o cattolico di ritorno
Che insegue il mattino alla luce del giorno
E dice pane al pane e al vino

Doppio come l' innocenza se fosse Abele sarebbe Caino
Antidoto senza veleno e alibi senza assassino
Perdonami se sto lontano e cercami vicino

Per brevità chiamato artista
Come un gatto dentro a un canile
Come un ladro tra i truffatori
Martire da palcoscenico e vittima d'aprile che macina i cuori
Che calcola i cani
E dà la buonanotte ai fiori

Doppio come un doppio gioco se fosse oggi intendeva domani
Lo zoppo che cammina dritto e il pittore senza mani
Invitami stasera a cena basta che mi chiami
Per Brevità Chiamato Artista, note e significato

Numerosi sono i rimandi ad altre canzoni di "Per Brevità Chiamato Artista", ad esempio "Come un uccello sul filo" è la traduzione letterale diBird on a Wire di Leonard Cohen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.