Songs of Leonard Cohen (1967)

The Stranger Song

Leonard Cohen

The Stranger Song da Songs of Leonard Cohen, Leonard Cohen
The Stranger Song, testo
It's true that all the men you knew were dealers
who said they were through with dealing
Every time you gave them shelter
I know that kind of man
It's hard to hold the hand of anyone
who is reaching for the sky just to surrender
who is reaching for the sky just to surrender.

And then sweeping up the jokers that he left behind
you find he did not leave you very much not even laughter
Like any dealer he was watching for the card
that is so high and wild
he'll never need to deal another
He was just some Joseph looking for a manger
He was just some Joseph looking for a manger.

And then leaning on your window sill
he'll say one day you caused his will
to weaken with your love and warmth and shelter
And then taking from his wallet
an old schedule of trains, he'll say
I told you when I came I was a stranger
I told you when I came I was a stranger.

But now another stranger seems
to want you to ignore his dreams
as though they were the burden of some other
O you've seen that man before
his golden arm dispatching cards
but now it's rusted from the elbows to the finger
And he wants to trade the game he plays for shelter
Yes he wants to trade the game he knows for shelter.

Ah you hate to see another tired man
lay down his hand
like he was giving up the holy game of poker
And while he talks his dreams to sleep
you notice there's a highway
that is curling up like smoke above his shoulder
It is curling just like smoke above his shoulder.

You tell him to come in sit down
but something makes you turn around
The door is open you can't close your shelter
You try the handle of the road
It opens do not be afraid
It's you, my love, you who are the stranger
It's you, my love, you who are the stranger.

Well, I've been waiting, I was sure
we'd meet between the trains we're waiting for
I think it's time to board another
Please understand, I never had a secret chart
to get me to the heart of this
or any other matter
When he talks like this you don't know what he's after
When he speaks like this, you don't know what he's after.

Let's meet tomorrow if you choose
upon the shore, beneath the bridge
that they are building on some endless river
Then he leaves the platform
for the sleeping car that is so warm
You realize, he's only advertising one more shelter
And it comes to you, he never was a stranger
And you say: "Ok the bridge or someplace later".

And then sweeping up the jokers that he left behind
you find he did not leave you very much not even laughter
Like any dealer he was watching for the card
that is so high and wild
he'll never need to deal another
He was just some Joseph looking for a manger
He was just some Joseph looking for a manger.

And then leaning on your window sill
he'll say one day you caused his will
to weaken with your love and warmth and shelter
And then taking from his wallet
an old schedule of trains, he'll say
I told you when I came I was a stranger
I told you when I came I was a stranger.
La Canzone Dello Sconosciuto, traduzione
É vero che tutti gli uomini che conoscevi erano giocatori
che dicevano di aver smesso di giocare
ogni volta che offrivi loro riparo
Ho presente quel genere di uomo
è difficile tenere la mano di qualcuno
che si avvicina al cielo solo per arrendersi
che si avvicina al cielo solo per arrendersi

E raccogliendo i jolly che aveva lasciato dietro di se
capisci che non ti ha lasciato molto, nemmeno una risata
Come ogni giocatore esperto stava aspettando la carta
che è così alta e feroce
che non dovrà cambiarla un'altra volta
Era come Giuseppe in cerca di una mangiatoia
Era come Giuseppe in cerca di una mangiatoia

E poi appoggiandosi al tuo davanzale
capirà un giorno che hai indebolito la sua volontà
con il tuo amore, il tuo calore e il tuo riparo
E poi tirando fuori dal suo portafogli
un vecchio orario dei treni dirà
te lo dissi quando arrivai che ero uno sconosciuto
te lo dissi quando arrivai che ero uno sconosciuto

Ma ora un altro sconosciuto sembra
volerti obbligare a ignorare i suoi sogni
come se fossere solo il fardello di qualcun altro
Oh, ho visto quell'uomo in passato
il suo braccio d'orodistribuiva carte
ma ora è arrugginito dai gomiti fino alle dita
e vuole barattare il suo gioco con un rifugio
e vuole barattare il suo gioco con un rifugio

E hai sempre odiato vedere un altro uomo triste
abbassare la testa
come se si stesse arrendendo al sacro gioco del Poker
e mentre racconta i suoi sogni per addormentarsi
ti accorgi che c'è una strada
che spiraleggia come fumo sopra la sua spalla
si spiraleggia come fumo sopra la sua spalla

Gli dici di entrare e di sedersi
ma qualcosa ti fa voltare
la porta è aperta non riesci a chiudere il tuo rifugio
Provi la maniglia della strada
si apre non avere paura
sei tu, amore mio, la sconosciuta
sei tu, amore mio, la sconosciuta

Beh, ho aspettato, ero sicuro
che ci saremmo incontrati tra i treni che aspettavamo
credo sia ora di imbarcarci su un altro
Cerca di capire, non ho mai avuto una mappa segreta
che mi guidasse al cuore di questo
o di una qualunque altro problema
Quando parla così non sai davvero quale sia il suo obiettivo
Quando parla così non sai davvero quale sia il suo obiettivo

Incontriamoci domani se ti va
sulla costa, sotto al ponte
che stanno costruendo su qualche fiume senza fine
Poi abbandona la banchina
dirigendosi verso il vagone letto che è così confortevole
E capisci, che sta solo facendo pubblicità a un altro rifugio
E diventa chiaro che non è mai stato uno sconosciuto
e dici: "Va bene il ponte o qualche altro posto, più tardi".

E poi raccogliendo i jolly che aveva dimenticato dietro di se
capisci che non ti ha lasciato molto, nemmeno una risata
Come ogni giocatore esperto stava aspettando la carta
che è così alta e feroce
che non dovrà cambiarla un'altra volta
Era come Giuseppe in cerca di una mangiatoia
Era come Giuseppe in cerca di una mangiatoia

E poi appoggiandosi al tuo davanzale
capirà un giorno che hai indebolito la sua volontà
con il tuo amore, il tuo calore e il tuo riparo
E poi tirando fuori dal suo portafogli
un vecchio orario dei treni dirà
te lo dissi quando arrivai che ero uno sconosciuto
te lo dissi quando arrivai che ero uno sconosciuto
The Stranger Song, note e significato

Tradurre questa canzone è un'impresa particolarmente ardua dato che la parola "dealer" significa "commerciante", "trafficante" (anche nel senso di spacciatore) ma anche "colui che distribuisce le carte" (e quindi, per estensione, il banco). La canzone ha un'importanza storica per Cohen, come racconta in un concerto a Chicago nel 1976:

"Circa dieci anni fa andai a New York con alcune canzoni. A quel tempo vivevo da circa otto anni in un'isola della Grecia ed era difficile convincere chiunque a darmi retta. Dicevano: 'Alzati e cammina, ragazzo, sei un po' troppo vecchio per tutto questo, non trovi?'. C'era solo una persona a New York che avrebbe ascoltato quelle canzoni e questa persona era Judy Collins. Le registrò e credo che tutto quello che è successo dopo sia una conseguenza dell'interesse da lei dimostrato per le canzoni la prima volta che le lesse. Pernottavo al Penn Terminal Hotel sulla Trentaquattresima, un posto orribile come indica il nome. E allora scrissi questa canzone."

Una risposta a “The Stranger Song”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.