Songs From a Room (1969)

The Old Revolution

Leonard Cohen

The Old Revolution da Songs From a Room, Leonard Cohen
The Old Revolution, testo
I finally broke into the prison,
I found my place in the chain.
Even damnation is poisoned with rainbows,
all the brave young men
they're waiting now to see a signal
which some killer will be lighting for pay.

Into this furnace I ask you now to venture,
you whom I cannot betray.

I fought in the old revolution
on the side of the ghost and the King.
Of course I was very young
and I thought that we were winning;
I can't pretend I still feel very much like singing
as they carry the bodies away.

Into this furnace I ask you now to venture,
you whom I cannot betray.

Lately you've started to stutter
as though you had nothing to say
To all of my architects, let me be traitor.
Now let me say I myself gave the order
to sleep and to search and to destroy.

Into this furnace I ask you now to venture,
you whom I cannot betray.

Yes, you who are broken by power,
you who are absent all day,
you who are kings for the sake of your children's story,
the hand of your beggar is burdened down with money,
the hand of your lover is clay.

Into this furnace I ask you now to venture,
you whom I cannot betray.
La Vecchia Rivoluzione, traduzione
Sono finalmente entrato nella prigione,
ho trovato il mio posto in catene.
Perfino la dannazione è avvelenata dagli arcobaleni,
tutti i giovani e coraggiosi
stanno aspettando di vedere un segnale
che qualche assassino accenderà in cambio di soldi.

In questa fornace ti ho chiesto di addentrarti,
a te che non posso tradire.

Ho combattuto nella vecchia rivoluzione
dalla parte del fantasma e del Re.
ovviamente ero molto giovane
e pensai che stessimo vincendo;
non posso far finta di aver ancora tanta voglia di cantare
ora che portano via i corpi.

In questa fornace ti ho chiesto di addentrarti,
a te che non posso tradire.

Poi hai cominciato a balbettare
come se non avessi nulla da dire
a tutti i miei architetti, lascia che sia io il traditore.
Ora lasciami dire che io stesso diedi l'ordine
di dormier e cercare e distruggere.

In questa fornace ti ho chiesto di addentrarti,
a te che non posso tradire.

Sì, tu che sei logorato dal potere,
tu che sei stato assente tutto il giorno,
tu che impersoni i sovrani nel racconto per i tuoi bambini,
la mano del tuo mendicante è appesantita dai soldi,
la mano del tuo amante è di argilla.

In questa fornace ti ho chiesto di addentrarti,
a te che non posso tradire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.