Wish you Were Here (1975)

Wish you Were Here

Pink Floyd

Wish you Were Here da Wish you Were Here, Pink Floyd
Wish you Were Here, testo
So, so you think you can tell
Heaven from Hell,
blue skies from pain
Can you tell a green field
from a cold steel rail?
A smile from a veil?
Do you think you can tell?

And did they get you to trade
your heroes for ghosts?
Hot ashes for trees?
Hot air for a cool breeze?
Cold comfort for change?
And did you exchange
a walk on part in the war
for a lead role in a cage?

How I wish,
how I wish you were here.
We're just two lost souls
swimming in a fish bowl,
year after year,
running over the same old ground.
What have we found?
The same old fears,
Wish you were here.
Vorrei che Fossi qui, traduzione
Così, così pensi di saper distinguere
l'Inferno dal Paradiso
i cieli azzurri dal dolore,
sai distinguere un prato verde
da un freddo binario d'acciaio
un sorriso da una maschera
pensi di saperlo fare?

E ti hanno convinto a barattare
i tuoi eroi per dei fantasmi,
ceneri calde per degli alberi,
aria calda per una gelida brezza
una fredda comodità per il cambiamento
E hai davvero rinunciato a
fare la comparsa in una guerra
per diventare protagonista in una gabbia?

Come vorrei, come vorrei che tu fossi qui
Siamo solo due anime dannate
che nuotano in una boccia per pesci
anno dopo anno,
correndo sulla stessa vecchia pista
cosa abbiamo trovato?
Le stesse antiche paure,
vorrei che tu fossi qui
Wish you Were Here, note e significato

Il testo di Wish you Were Here è stato scritto da Roger Waters, mentre la musica è nata da un'idea di David Gilmour. Il testo, spesso considerato come un riferimento a Syd Barrett, sembra in realtà essere stato ispirato da riflessioni personali di Waters, toccato in quel periodo dalla morte della nonna Beatrix Louisa Roger (1883 - 1972)

Stéphane Grappelli (1908 - 1997), violinista francese noto per la sua collaborazione con Django Reinhardt, si trovava nello stesso studio di registrazione dei Pink Floyd insieme al collega Yehudi Menuhin, quando Gilmour suggerì che un sottofondo di violino sarebbe stato interessante alla fine di Wish you Were Here. Grappelli accettò di partecipare alla registrazione, ma in fase di mixaggio il suo contributo venne rimosso (è comunque ancora udibile al minuto 5:21). I Pink Floyd giudicarono offensivo menzionare il musicista per un contributo così modesto e per questo motivo il suo nome non compare nei credits dell'album.

Leggi le ultime informazioni su Pink Floyd e sulla music rock in genere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.