Canzoni d’Amore (1992)

Vecchi Amici

Francesco De Gregori

Vecchi Amici da Canzoni d’Amore, Francesco De Gregori
Vecchi Amici, testo
Tu sei seduto nel buio, io lavoro nella luce.
Tu sei seduto in silenzio, io vivo con la mia voce.
Tu sei seduto comunque, dovunque, qualunque cosa fai.
Tu sei un ragazzo pulito, hai le orecchie piene di sapone,
sarà per questo che non distingui più, la regola dall'eccezione.
Quando ritocchi la punteggiatura, del tuo ultimo capolavoro,
e ti rivolti nella malafede e poi firmi, con la tua penna d'oro.
Dimmi come ti va,
come ti senti.
Dimmi come ti va
e come ti addormenti.
Dimmi come si sta,
come ti senti,
se c'è qualcosa in cui ti penti,
o se va bene tutto così, com'è.
Tu sei da tutte le parti, io sempre da una parte sola.
E non ho consigli da darti, la tua politica ha fatto scuola.
Ciambellano del nulla, avanzo di segreteria.
Ma ti ricordi com'è quando cercavi una sistemazione?
Professionista dell'amicizia e della compassione?
Ma sempre meglio di adesso che vai girando come una sciantosa.
E non sei niente, ma fai di tutto,
per sembrare qualcosa.
Dimmi come ti va?,
come ti senti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.