The Theory of Everything

Ayreon

2013 © InsideOut Music

The Theory of Everything, Ayreon

"The Theory of Everything" è stato pubblicato dopo più di sei anni dall'album precedente. Lucassen aveva infatti accantonato gli Ayreon per dedicarsi ad altri progetti, tra cui un album da solista.

i hbar frac{partial}{partial t}Psi = hat H PsiL'Equazione d'Onda
[Continua a leggere]

The Theory of Everything, lista canzoni

03
 
 
 
06
 
 
 
 
07
 
 
 
 
 
08
 
 
 
 
10
 
 
 
 
12
 
 
 
 
13
 
 
 
14
 
 
 
 
16
 
 
 
 
 
17
 
 
 
 
18
 
 
 
 
19
 
 
 
 
20
 
 
 
 
21
 
 
 
 
22
 
 
 
 
23
 
 
 
 
 
24
 
 
 
 
25
 
 
 
 
26
 
 
 
 
28
 
 
 
 
29
 
 
 
30
 
 
 
 
 
31
 
 
 
 
32
 
 
 
 
33
 
 
 
 
34
 
 
 
 
35
 
 
 
 
36
 
 
 
 
37
 
 
 
 
38
 
 
 
 
40
 
 
 
 

Il titolo dell'album, tra il serio e il faceto, rimanda alle grandi sintesi delle leggi universali offerte dalla fisica teorica dell'ultimo secolo. Con "teoria del tutto" si indica un ipotetico modello, la cui esistenza è ancora fonte di dibattiti, in grado di riunire i risultati della relatività generale con la fisica dei quanti. Non a caso il titolo è scritto usando i simboli di alcune delle più complesse equazioni fisiche, in particolare l'Equazione d'Onda di Schrödinger, riportata sopra

Il termine "Teoria del Tutto" venne utilizzato per la prima volta, in chiave ironica, in un fumetto di fantascienza degli Anni Sessanta. Altri rimandi fantascientifici nell'album riguardano il numero di segmenti incisi che sono esattamente 42, cioè "la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto" nella serie "Guida Galattica per Autostoppisti".

L'album è diviso in due CD. Il primo contiene le tracce fino a "The Prediction", il secondo comincia con "Fluctuations". I due CD sono ulteriormente divisi in quattro "Fasi":

CD 1, traccce 1-11: Phase I: Singularity (singolarità)
CD 1, tracce 12-22: Phase II: Symmetry (simmetria)
CD 2, tracce 1-9: Phase III: Entanglement (intrico)
CD 2, tracce 10-20: Phase IV: Unification (unificazione)

Hanno suonato:
Janne 'JB' Christoffersson:
l'Insegnante
Sara Squadrani:
la Ragazza
Michael Mills:
il Padre
Cristina Scabbia:
la Madre
Tommy Karevik:
Prodigio
Marco Hietala:
il Rivale
John Wetton:
lo Psichiatra
Arjen Anthony Lucassen:
chitarra elettrica e acustica, basso, mandolino, sintetizzatori, organo Hammond
Ed Warby:
batteria e percussioni
Rick Wakeman:
sintetizzatore in Surface Tension e piano
Keith Emerson:
sintetizzatore in Progressive Waves
Jordan Rudess:
sintetizzatore in Progressive Waves
Steve Hackett:
assolo di chitarra in The Parting
Troy Donockley:
cornumsa irlandese
Ben Mathot:
violino
Maaike Peterse:
cello
Jeroen Goossens:
flauti
Siddharta Barnhoorn:
orchestrazione
Michael Mills:
bouzouki irlandese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.