Miramare 19.4.89 (1989)

Lettera da un Cosmodromo Messicano

Francesco De Gregori

Lettera da un Cosmodromo Messicano da Miramare 19.4.89, Francesco De Gregori
Lettera da un Cosmodromo Messicano, testo
Il bosco piano, piano,
si riprende le case
Sono immobili gli aeroplani,
negli aeroporti sotto la luna
Ammutoliscono i cani,
per la groppa delle montagne
Sono disperse le greggi,
abbandonati i pastori
Io vivo fuori,
in questo cosmodromo messicano
Tutto è forte e chiaro,
il cielo è un gigante,
la vita è un acquario,
la luce è immensa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.