Miramare 19.4.89 (1989)

Vento dal Nulla

Francesco De Gregori

Vento dal Nulla da Miramare 19.4.89, Francesco De Gregori
Vento dal Nulla, testo
Passa la tramontana, sotto al ponte,
passa la tramontana, mi batte sulla fronte.
Passa la tramontana, mi picchia al petto,
passa la tramontana, si muore già di freddo.
Nessuno me lo sa spiegare da dove arriva,
quando passa la tramontana, non si respira.
Passa la tramontana, e canta una canzone,
dentro quella canzone, ci sta il tuo nome.
Dentro quella canzone, c'è un po' d'amore,
quando passa la tramontana, mi batte il cuore.
Nessuno me lo sa spiegare che cosa sia,
quando passa la tramontana se lo porta via.
Passa la tramontana, spazza la terra,
passa la tramontana, viene la guerra.
Si fermano le finestre si parla un po' più piano.
Quando passa la tramontana, ti prenderò la mano.
Quando passa la tramontana, sotto al ponte,
Non c'è una nuvola in tutto il cielo,
per tutto l'orizzonte.
Si chiudono le finestre, si accende la sirena.
Sarà di ali di passerotto, la nostra cena.
E insieme si farà la notte forse meno scura,
e leveremo dal fondo agli occhi un filo di paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.