Bringing It All Back Home (1965)

Bob dylan’s 115th Dream

Bob Dylan

Bob dylan’s 115th Dream da Bringing It All Back Home, Bob Dylan
Bob dylan’s 115th Dream, testo
I was riding on the Mayflower
When I thought I spied some land
I yelled for Captain Arab
I have yuh understand
Who came running to the deck
Said, “Boys, forget the whale
Look on over yonder
Cut the engines
Change the sail
Haul on the bowline”
We sang that melody
Like all tough sailors do
When they are far away at sea

“I think I’ll call it America”
I said as we hit land
I took a deep breath
I fell down, I could not stand
Captain Arab he started
Writing up some deeds
He said, “Let’s set up a fort
And start buying the place with beads”
Just then this cop comes down the street
Crazy as a loon
He throw us all in jail
For carryin’ harpoons

Ah me I busted out
Don’t even ask me how
I went to get some help
I walked by a Guernsey cow
Who directed me down
To the Bowery slums
Where people carried signs around
Saying, “Ban the bums”
I jumped right into line
Sayin’, “I hope that I’m not late”
When I realized I hadn’t eaten
For five days straight

I went into a restaurant
Lookin’ for the cook
I told them I was the editor
Of a famous etiquette book
The waitress he was handsome
He wore a powder blue cape
I ordered some suzette, I said
“Could you please make that crepe”
Just then the whole kitchen exploded
From boilin’ fat
Food was flying everywhere
And I left without my hat

Now, I didn’t mean to be nosy
But I went into a bank
To get some bail for Arab
And all the boys back in the tank
They asked me for some collateral
And I pulled down my pants
They threw me in the alley
When up comes this girl from France
Who invited me to her house
I went, but she had a friend
Who knocked me out
And robbed my boots
And I was on the street again

Well, I rapped upon a house
With the U.S. flag upon display
I said, “Could you help me out
I got some friends down the way”
The man says, “Get out of here
I’ll tear you limb from limb”
I said, “You know they refused Jesus, too”
He said, “You’re not Him
Get out of here before I break your bones
I ain’t your pop”
I decided to have him arrested
And I went looking for a cop

I ran right outside
And I hopped inside a cab
I went out the other door
This Englishman said, “Fab”
As he saw me leap a hot dog stand
And a chariot that stood
Parked across from a building
Advertising brotherhood
I ran right through the front door
Like a hobo sailor does
But it was just a funeral parlor
And the man asked me who I was

I repeated that my friends
Were all in jail, with a sigh
He gave me his card
He said, “Call me if they die”
I shook his hand and said goodbye
Ran out to the street
When a bowling ball came down the road
And knocked me off my feet
A pay phone was ringing
It just about blew my mind
When I picked it up and said hello
This foot came through the line

Well, by this time I was fed up
At tryin’ to make a stab
At bringin’ back any help
For my friends and Captain Arab
I decided to flip a coin
Like either heads or tails
Would let me know if I should go
Back to ship or back to jail
So I hocked my sailor suit
And I got a coin to flip
It came up tails
It rhymed with sails
So I made it back to the ship

Well, I got back and took
The parkin’ ticket off the mast
I was ripping it to shreds
When this coastguard boat went past
They asked me my name
And I said, “Captain Kidd”
They believed me but
They wanted to know
What exactly that I did
I said for the Pope of Eruke
I was employed
They let me go right away
They were very paranoid

Well, the last I heard of Arab
He was stuck on a whale
That was married to the deputy
Sheriff of the jail
But the funniest thing was
When I was leavin’ the bay
I saw three ships a-sailin’
They were all heading my way
I asked the captain what his name was
And how come he didn’t drive a truck
He said his name was Columbus
I just said, “Good luck”
Il 115-esimo Sogno di Bob Dylan, traduzione
Navigavo sul Mayflower
quando mi sembrò di aver visto terra
Chiamai il capitano Arab
capite
che arrivà di corsa sul ponte
Dicendo, “Ragazzi, dimenticate la balena
Guardate laggiù
Fermate le macchine
Cambiate le vele
tirate le sàrtie”
Cantammo quella melodia
come fanno tutti i veri marinai
quando sono in mare aperto

“Penso che la chiamerò America”
dissi quando sbarcammo
inspirai profondamente
poi caddi, non riuscivo a stare in piedi
Il Capitano Arab cominciò
a fare una lista di cose
Disse, “Costruiamo un forte
e compriamoci la zona con le perline”
poi arrivò lo sbirro giù dalla strada
pazzo come un matto
Ci ha portati tutti in prigione
perché avevamo un arpione

Ah, io sono riuscito a scappare
non chiedetemi come
e corsi a chiedere aiuto
Fino a raggiungere una mucca Guernsey
che mi indicò
la periferia di Bowery
Dove la gente va in giro con i cartelli
che dicono, “Scacciate i barboni”
e io mi misi in fila
Dicendo, “Spero di non essere in ritardo”
quando mi sono accorto
di non aver toccato cibo da cinque giorni

Entrai al ristorante
cercando il cuoco
gli dissi che ero l'autore
di un famoso libro di buone maniere
la cameriera era un bel ragazzo
portava un mantello blu cipria
ordinai delle crepe e dissi
“Può farmi quella crepe”
e poi tutta la cucina esplose
a causa del grasso che bolliva
il cibo volava ovunque
e me ne andai senza il mio cappello

Ora, non è per curiosare
ma entrai in una banca
per cercare i soldi per la cauzione di Arab
e degli altri in cella
mi chiesero un qualche tipo di garanzia
e mi abbassai i pantaloni
mi cacciarono fuori
mentre arrivava questa ragazza francese
che mi invitò a casa sua
Ci andai ma aveva un amico
che mi colpì
e si rubò i miei stivali
e così mi trovai di nuovo sulla strada

Beh, bussai a una casa
che aveva esposta la bandiera americana
Disse, “Potresta aiutarmi
o degli amici laggiù”
L'uomo disse, “Vattene da qui
o ti faccio a pezzi”
Dissi, “Sapete, hanno rifiutato anche Gesù”
Rispose, “Tu non sei Lui
vattene prima che ti spezzi le ossa
non sono tuo padre”
Decisi di farlo arrestare
e andai in cerca di un poliziotto

Corsi fuori
e saltai in un taxi
uscii dall'altra porta
L'uomo inglese disse, “Fantastico”
mi vide saltare un carrellino degli hotdog
e un carro che era
parcheggiato tra due edifici
e pubblicizzava la fratellanza
corsì attraverso la porta principale
come un marinaio vagabondo
ma era un'impresa di funerali
e l'uomo chiese chi fossi

Dissi di nuovo che i miei amici
erano in prigione, con un sospiro
Mi diese la sua carta da visita
Disse, “Chiamami se muoiono”
gli strinsi la mano e dissi arrivederci
mi precipitai sulla strada
dove stava rotolando una palla da bowling
che mi fece cadere
un telefono pubblico stava squillando
non riuscivo a crederci
quando alzai l'apparecchio e dissi "Pronto?"
un piede apparve dall'apparecchio

Beh, a quel punto mi ero proprio stancato
di cercare di fare il colpo
e ritornare con qualche aiuto
per i miei amici e il Capitano Arab
decisi di lanciare una monetina
come se testa o croce
mi avrebbe fatto sapere se sarei tornato
alla nave o in prigione
Così impegnai la mia divisa da marinaio
in cambio di una moneta da lanciare
venne croce
che faceva rima con vele
e quindi me ne tornai alla nave

Beh, tornai lì e staccai
la multa lasciata sull'albero maestro
e la feci a pezzi
mentre passa la guardacoste
Mi chiesero il mio nome
E dissi, “Capitano Kidd”
ci credettero
ma volevano sapere
esattamente cosa avessi fatto
dissi che avevo lavorato
per il Papa di Eruke
Mi lasciarono andare immediatamente
erano paranoici

Beh, l'ultima volta che ho sentito di Arab
era incastrato in una balena
sposata con il vice
sceriffo della prigione
ma la cosa più divertente
mentre lasciavo la baia
è che vidi tre caravelle arrivare
verso di me
chiesi al capitano quale fosse il suo nome
e come mai non guidasse un camion
Disse che il suo nome era Colombo
Gli risposi, “Buona fortuna”
Bob dylan’s 115th Dream, note e significato

Bob Dylan's 115th Dream è in qualche modo una continuazione del surreale Motorpsycho Nightmare, con un testo ancora più assurdo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.